il-valore-w


Nelle contrade della campagna salentina,
i piedi solcano una terra rossa, avida di sole.


Un rituale tipico durante le nostre passeggiate domenicali era che, una volta scesi dalla macchina – una Seat Marbella blu – lui mi ripetesse: “Respira Lorenzo, respira forte. Questo è profumo di vita, è il profumo del tuo futuro!”. Ed io, come un militare obbediente, mi riempivo i polmoni di quell’odore indescrivibile senza pensare realmente al “futuro” che, in quell’istante, mi sembrava troppo lontano.
La mia posizione era sempre la stessa: qualche passo dietro di lui così da scrutarne ogni gesto e ripeterlo con lo stesso amore per quella terra, un amore che ormai, senza saperlo, era già parte di me. Anche quando lui non c’è più stato, ho continuato a passeggiare lungo quei filari. Ci tornavo tutte le volte in cui avevo bisogno di sentire la sua voce che, secondo me, si era radicata in quel terreno, proprio come quei piccoli e vecchi alberelli, mai stanchi però di regalare frutti dal sapore raro e prezioso…


…Un pomeriggio, quando ormai erano trascorsi più di vent’anni da quella domenica e tante cose erano cambiate, incontrai Rosangela, mia sorella. Voleva parlarmi di un progetto per il nostro futuro. L’unione con Alessandro, il suo compagno, aveva acceso in loro un desiderio: dare vita ad una cantina. L’adrenalina di quel sogno ci aveva invasi, catturando in un vortice impetuoso tutti i nostri intenti e i nostri pensieri. Nel 2000 questo desiderio si è trasformato in un intenso profumo di vino appena spremuto, il profumo della nostra prima vendemmia. C’era fermento nell’aria e non era quello delle uve “pronte”, ma quello dei nostri cuori ardenti di vita. Da quel giorno sono passati più di dieci anni e adesso quel “futuro” è il nostro presente. Spesso ritorno in quella terra. C’è un legame di sangue che ci unisce indissolubilmente. Nella mano ora stringo quella di mio figlio, lo guardo e gli dico: “Respira Umberto, respira forte. Questo è profumo di vita, è il profumo del tuo futuro!”. Perché nella vigna la vita non finisce, continua sempre senza fermarsi mai.


il-valore-w


In un’antica costruzione dell’Ottocento i vini vengono fatti lentamente invecchiare in botti di quercia dura.